Ti spiego il mondo

Intervista a Martina Recchiuti e Alberto Emiletti, Internazionale Kids

L’attualità si racconta e conosce attraverso le notizie che provengono da tutto il mondo. Non ci sono luoghi privi di fatti da spiegare, ma quando si tratta di decidere a chi rivolgere queste spiegazioni sorge più di un dubbio: ci si domanda a chi possa interessare l’episodio che si intende raccontare o se sia opportuno mettere a conoscenza del suo accadimento. Queste perplessità si fanno più forti quando il pubblico che si ha in mente di coinvolgere è quello dei bambini e dei ragazzi, che spesso si preferisce non rendere partecipi di ciò che accade nel mondo. Tuttavia, l’attualità è la realtà che anche loro, giovani cittadini, vivono e frequentano ogni giorno: è necessario che abbiano gli strumenti per comprenderla.
L’intervista che state per leggere è il risultato di un incontro con Martina Recchiuti e Alberto Emiletti, membri della redazione di Internazionale Kids, un giornale rivolto a bambini e ragazzi che si propone di spiegare loro il mondo.

Internazionale Kids è a tutti gli effetti un giornale per bambini. Perché avete sentito l’esigenza di dare vita a un simile progetto?

R: Ci siamo resi conto che un giornale dedicato ai bambini non esisteva, come se raccontare loro cosa accade nel mondo non fosse importante. I bambini, però, navigano su internet, guardano la televisione, ascoltano la radio, e, in questo modo, le notizie li raggiungono comunque. I più piccoli hanno bisogno di qualcuno – o qualcosa – che li aiuti a capire e decodificare queste notizie e crediamo che un giornale pensato apposta per loro possa svolgere questo compito. Del resto, anche in altri paesi europei o negli Stati Uniti è sempre più frequente che i quotidiani abbiano un dorso, una parte centrale o un allega…