Chi siamo? – 16 Giugno

*|MC:SUBJECT|*

Ciao! Questa è FarFarFare, la newsletter che ogni mese sceglie un tema e di settimana in settimana lo esplora attraverso laboratori, attività e tanti materiali che potrai usare a tuo piacimento. 



Sono diversi i sentimenti che ci legano al passato: rimpianto, rimorso, orgoglio, nostalgia; la sensazione che quanto ci ha preceduto non ci riguardi affatto o sia così determinante da lasciarci oggi ben poca libertà. Questi sentimenti variano da persona a persona, di situazione in situazione. Tuttavia, una cosa è certa: alle nostre spalle si staglia un passato denso di significato e spetta a noi decidere come interpretarlo

Ignorarlo, deriderlo, farcene carico, approfondirlo sono tutte possibilità. Ciò che dobbiamo per forza accettare è solo il fatto che noi è da quel passato che proveniamo e che, pertanto, non possiamo che portarne i segni. Ma questo, di per sé, non basta a suggerirci come comportarci? 

Non vogliamo dire che il passato decide chi siamo, perché rivendichiamo la nostra libertà di scelta. Se però non conosciamo le nostre radici, se non affrontiamo l’eredità culturale di cui siamo depositari per com’è, fatta di valori, per cui si è combattuto, e di errori, che si potevano evitare, come possiamo dirci liberi davvero? 

Noi siamo parte di una storia. Per sapere e decidere come andare avanti, non possiamo trascurarne gli antefatti.

In questo numero di FARFARFARE su Heritage troverai:
 

  • Un passato in eredità (Un laboratorio a cura dei Ludosofici)
  • Passare alla storia (Intervista a Nora Krug)
  • Heritage songs (Una playlist a cura di Francesco D’Abbraccio – Krisis Publishing)
 
e un po’ di cose curiose che abbiamo selezionato su internet!


UN PASSATO IN EREDITÀ

A cura dei Ludosofici



Con il passato dobbiamo per forza fare i conti. Esso parla di noi, delle nostre radici, e ignorarlo sarebbe un’occasione persa per conoscersi meglio. Sarebbe anche un gesto irresponsabile, perché solo sapendo davvero chi si è si possono compiere le scelte più importanti

Che cosa ha contribuito a fare di me ciò che sono oggi? 

Per scoprirlo non ti servirà nient’altro che:

  • un cartoncino bianco formato A3
  • una matita
  • fogli A4 di tre colori diversi
  • la pazienza!
Passare alla storia   
Intervista a Nora Krug


Siamo consapevoli del legame strettissimo che esiste tra il presente in cui viviamo e la storia? No, ma riconoscerlo è un nostro dovere. 
Solo riscoprendo la storia di ciascuno, sostiene Nora Krug, autrice di Heimat, la complessità del mondo diventerà materia viva da cui modellare comunità aperte e democratiche per costruire una nuova società
 
leggi l’intervista
Ogni ricerca che si rispetti ha bisogno di tempo e di pazienza. In questa intervista Nora Krug illustra il processo, il perché ha deciso di intraprendere una strada diversa dal modello tradizionale della graphic novel e come questa forma grafica sia già essa stessa contenuto
Heritage songs
 
Playlist a cura di Francesco D’Abbraccio – Krisis Publishing



Un’accurata selezione musicale che parla attraverso dischi rotti, riappropriazione culturale e dataset nella musica elettronica non colta.
 
scopri tutti i titoli consigliati!

La cultura dei colori – Una storia che affonda le sue radici nel passato e che attraversa molteplici culture può celarsi dietro ad ogni cosa, anche, e soprattutto, la più scontata. Come una parola, che usiamo così tanto da credere di conoscerla alla perfezione. O come i colori, che vediamo così chiaramente da non immaginare il mondo infinito che nascondono…

I caratteri dell’alfabeto – In quanti modi può essere scritta una lettera dell’alfabeto perché sia riconoscibile? In corsivo, in stampatello, a seconda dei diversi caratteri disponibili su un computer o della calligrafia di ciascuno di noi. Già così potremmo dire che di una stessa lettera esistono infinite versioni, ma il gioco non è che appena cominciato: provate a sfogliare ciò che il passato ci tramanda in forma letterale… 



Strade fantastiche medievali – Viaggiare indietro nel tempo purtroppo non si può, ma la nostra immaginazione può fare molto! Già da sola può portarci praticamente ovunque… Se poi ha a disposizione uno strumento che la aiuti ad orientarsi tra le strade, i vicoli e gli anfratti di un borgo medievale, il gioco è fatto per davvero e chi la ferma più?



Gianni Rodari – Volgere gli occhi al passato non significa affatto distogliere lo sguardo dal futuro. Al contrario, gli incontri più belli nascono quando ciò che è stato continua a vivere sotto nuovi aspetti e assumendo nuove forme. Come quando giovani voci reinterpretano le parole che un famoso signore scrisse non pochi anni fa.

Una storia fatta di strati – Ci sono pezzi di storia che preferiremmo dimenticare o che ci ostiniamo a ritenere estranei. È quella parte che fatichiamo ad accettare e di cui ci vergogniamo. È soprattutto in questi casi, però, che non dobbiamo distogliere lo sguardo, ma tenere gli occhi fissi su ciò che è stato, perché far finta di nulla sarebbe la colpa peggiore. 

 

Se te li sei persi, qui puoi trovare gli scorsi numeri di FarFarFare:





I primi numeri sono gratuiti perché potrebbero essere d’aiuto nella situazione che stiamo vivendo, poi diventeranno a pagamento. 

Se questa newsletter ti è piaciuta e ti interessa ricevere i prossimi numeri,
clicca qui per iscriverti.
ISCRIVITI!
FarFarFare è un progetto di Ilaria Rodella e Pietro Corraini con il supporto di Ludosofici e Corraini Edizioni Testi di Costanza Faravelli • Illustrazioni di Gaia Scarpari • Marketing e strategia di Flavio Pintarelli.  
 
Copyright © 2020 Ludosofici, All rights reserved.
Gli indirizzi e-mail presenti nel nostro archivio provengono da richieste di iscrizioni pervenute al nostro recapito. In ottemperanza alla legge 196/03,in ogni momento è possibile modificare o cancellare i dati presenti nel nostro archivio.

Our mailing address is:
Ludosofici
via Meina 4
Milano, MI 20125
Italy

Add us to your address book

Want to change how you receive these emails?
You can update your preferences or unsubscribe from this list.