Tag:

Ciao! Questa è FarFarFare, la newsletter che ogni mese sceglie un tema e di settimana in settimana lo esplora attraverso laboratori, attività e tanti materiali che potrai usare a tuo piacimento. 

-
in questo numero

Un numero tutto composto di laboratori gratuiti!

Facce dappertutto

laboratorio a cura di Massimiliano Tappari

Una faccia dopo l’altra

laboratorio a cura dei 44Flavours

Maschere scacciapaura!

laboratorio a cura di Giulia Orecchia

FarFar…Facce!

laboratorio a cura di Pietro Corraini e Gaia Scarpari

e un po’ di cose curiose che abbiamo selezionato su internet!

-

Le facce si hanno, ma da sempre si fanno.

Quando ero bambina, il fine settimana era quasi sempre dedicato a escursioni per Milano in compagnia del mio papà: quando il sole ci onorava della sua presenza, venivo fatta accomodare sul seggiolino della sua bicicletta e poi portata a esplorare la meta che avevamo scelto. Tra tutte le destinazioni, ce n’era una che amavo particolarmente: il Naviglio della Martesana, il cui percorso era punteggiato di piccoli tunnel o sottopassaggi colorati da graffiti. Tra i disegni che decoravano i muri dovevo aver riconosciuto dei volti o delle espressioni particolari e, per questo, quando volevo tornarci, chiedevo di andare alle «Facce».

le facce si fanno

Le facce si fanno quando si pensa, si scrive, si canta; quando ci si emoziona; quando si piange, si grida, si ride, si scherza o si fa una boccaccia; quando si esagera, quando si dorme e quando ci sembra di non star facendo nulla.

Le facce si fanno quando si disegnano, si costruiscono o si intravedono in oggetti e situazioni di per sé privi di faccia, ma in cui si riconosce un’espressione, la possibilità di comunicare e voler dire qualcosa. E così, guardando quei murales in cui crepe e colori si mescolavano, mi sembrava che il cemento potesse farmi compagnia, sapesse chiacchierare. Vedevo delle facce, ne riconoscevo altre. Il mondo mi faceva delle facce.

Le facce si fanno da sempre, perché fare e facce sono parole nate insieme, dalla stessa radice. Le facce, perciò, si son fatte, si fanno e si faranno. Anche oggi e anche qui.

Facce dappertutto

a cura di Massimiliano Tappari

Ma davvero pensate che la faccia sia roba solo da umani? Se ci guardiamo intorno con attenzione e, soprattutto, immaginazione, scopriremo che ne siamo circondati!

scopri

Una faccia dopo l’altra

a cura dei 44 Flavours

Il nostro viso ci caratterizza tanto, che basta cambiarlo per diventare qualcun altro? Correte a scoprirlo con un laboratorio che vi farà indossare un’altra faccia!

scopri

Maschere scacciapaura!

a cura di Giulia Orecchia

Quando siamo spaventati, ce lo si legge in volto. Ma se per una volta fosse proprio la paura a scappare di fronte alla nostra faccia più spaventosa? È possibile, e questo laboratorio vi dirà come fare!

scopri

FarFar…Facce!

a cura di Pietro Corraini e Gaia Scarpari

Chi ha detto che una faccia è bella solo quando corrisponde a classici canoni di bellezza? Il filtro FarFarFacce è stato pensato e realizzato per dimostrarvi esattamente il contrario! Provare per credere…

scopri
alcune cose curiose
video

Che faccia fai quando sei…? Un attore deve essere molto consapevole di cosa accade al suo volto quando vuole esprimere o anche dissimulare un’emozione. I muscoli del volto devono essere spremuti saggiamente, ma anche non perdere la spontaneità. Beh, questo se si è professionisti. Se invece ci si vuole divertire a esplorare la propria faccia e a metterla alla prova, mettetevi a coppie o in gruppo, suggeritevi l’un l’altro stati emozionali e scatenate ogni angolo del viso. Esagerate!

Il fatto di riuscire a intravedere facce ovunque, anche dove non ci sono, è frutto di un fenomeno preciso: la pareidolia, di cui questo articolo ci racconta le ragioni. A volte ci capita senza neanche accorgercene, altre può essere divertente mettersi a cercarle con intenzione. E visto che ciò che ha una faccia acquista subito anche una personalità, perché non farlo anche con la classe e con la scuola? Potreste scoprire che ciò che prima vi appariva asettico e noioso ora vi guarda e vi fa l’occhiolino!

Noi umani abbiamo una faccia, tendiamo a vederne dove non ci sono… Ma ci sono anche vere e proprie facce diverse dalla nostra! Ne ha una anche la Terra, che, esattamente come noi, porta i segni del tempo sulla sua superficie. In questa applicazione potete esplorare la faccia della terra, viaggiare nel tempo e ritrovare il punto che occupate proprio in questo momento o in cui vorreste trovarvi, adesso o in futuro. Che aspetto avrà allora?